La missione

Polifonia… non solo una tecnica compositiva ed esecutiva,
ma uno stile di operare nel mondo della cultura a 360°.

La parola Polifonia centra perfettamente l’operare della nostra associazione tanto a livello musicale quanto a livello operativo. La musica e,  nello specifico, il canto corale sono il motivo e l ‘obiettivo della nostra associazione, costituita di fatto nel 1997 quando nacque il primo nucleo di quello che oggi è il Coro Polifonico Parsifal.
Polifonia è il termine musicale che descrive la coesistenza di linee melodiche indipendenti all’interno di un unico affresco armonico, stilistico e rappresentativo.

Il canto corale, e specificatamente polifonico, non è l’unica finalità della nostra associazione. La sua attività volta alla crescita culturale comprende infatti diverse dimensioni: la formazione musicale (esercitata mediante le sessioni di studio e di prova del Coro Polifonico), la concertistica, la cooperazione con orchestre ed altri soggetti culturali, la progettazione.

Parsifal…perchè?

Il Coro Polifonico Parsifal nasce a Mesagne nel 1997. Esso nasce dalla fusione di alcune realtà corali già presenti nel territorio salentino e la sua costituzione ancora oggi è vista come un atto coraggioso, in netta contrapposizione rispetto alle logiche individualistiche ed autoreferenziali che avvelenano il mondo dell’associazionismo, la cui prevalente frammentazione impedisce percorsi di aggregazione e di progettualità cooperativa di cui la cultura ha bisogno per dialogare con l’uomo contemporaneo.

I valori costitutivi non sono mai stati alterati, anzi, dopo vent’anni di attività in una dimensione di continuo crescendo esso, pur nella fatica delle tante contraddizioni del sistema socio-culturale in cui opera, è ancora oggi un punto di riferimento nell’impostazione del suo progetto e visione di coralità moderna che mette al centro il corista “amatore” – non mai corista di “serie b” ma nel senso più nobile da intendersi, ossia di colui che ama quello fa e si sforza di farlo bene – avulso da qualsiasi tipo di appartenenza (politica, religiosa, o di altro impegno primario) se non la sola devozione alla mission del coro, provocato nelle sfide musicali in progetto, e promosso in una dimensione dialogica intergenerazionale volta esclusivamente alla promozione della persona e delle sue capacità artistiche ed espressive in forma organizzata.

Queste caratteristiche, mai tradite e sempre più attualizzate, hanno portato il Coro Polifonico Parsifal a continue collaborazioni sul piano regionale con i più prestigiosi contesti professionali e rappresentativi “dell’industria musicale pugliese”, a guadagnarsi, a seguito di continui riconoscimenti sul piano locale, il riconoscimento ministeriale di “Coro di Interesse Nazionale” (Mibac, 2011), ed oggi, a seguito di un’appartenenza ad ARCoPu (Associazione Regionale dei Cori Pugliesi) dal 2001, vi partecipa in modo attivo e propulsivo: Coro Regionale ARCoPu, Officine Corali Pugliesi inseriti nell’ambito di Ponti Sonori, un macro progetto che racchiude in se tutta la macchina produttiva e distributiva di ARCoPu stessa.

Mai come in questo caso il nome Parsifal è stato indovinato! Non un nome dunque, ma Parsifal è un modello operativo che, rifacendosi al timido e mitologico cavaliere della Tavola Rotonda, riunisce in se “Idealità” e “Concretezza” pur nella semplicità del suo operare, nella mite e quasi nascosta presenza nel territorio che di volta in volta non tradisce mai la grandezza e la soddisfazione del raggiungimento del risultato.